Weinberger e la mediazione culturale nebulizzata

Dalle nostre parti “conoscenza”, “sapere” e “cultura” sono largamente sentite come parole antitetiche a “internet”, “web”, “Google”. La vecchia contrapposizione tra apocalittici e integrati compie tra poco mezzo secolo (il libro di Eco è del 1964!), ma è dura a morire. E non è un caso: anche in questi anni stiamo vivendo una vasta trasformazione del paesaggio culturale in coincidenza con la diffusione di un nuovo medium (allora erano i fumetti, le canzonette, la televisione; oggi sono i social networks, Youtube, la Rete). Ancor più che gli entusiasmi degli integrati tecnofili, la trasformazione tende a suscitare le preoccupazioni e le deprecazioni degli apocalittici tecnofobi (una parte importante del pensiero filosofico novecentesco ha elaborato un’immagine della Tecnica come contrapposta per essenza al Pensiero. Cfr Nacci, Pensare la tecnica). E così, inevitabilmente, la discussione si polarizza.

Per questo sono convinto che La stanza intelligente di Weinberger (di cui ho cominciato a parlare nel precedente post) possa avere un effetto salutare.

Il libro esordisce con un titolo che un apocalittico approverebbe senz’altro: “la crisi della conoscenza”. Tuttavia, secondo Weinberger, questa crisi può essere elencata sia tra le paure degli apocalittici, sia tra le speranze degli integrati: “Viviamo allo stesso tempo una crisi e un’esaltazione epocale della conoscenza”.

Certo, l’ambivalenza è tipica della krisis, nel suo senso etimologico e più vero di “passaggio”. Weinberger però ha in mente un aspetto preciso di questo passaggio epocale: un “cambiamento dell’infrastruttura del sapere sta alterando la forma e la natura della conoscenza”. La crisi della conoscenza è dovuta a questo cambiamento infrastrutturale, cioè al passaggio dal mezzo di comunicazione che ha incarnato per millenni il sapere, i libri, a un nuovo mezzo completamente diverso, internet. La tesi principale dell’autore è infatti che “la conoscenza è oggi una proprietà della rete”.

Qual è la differenza profonda tra le forme di sapere che i due media incarnano? Secondo Weinberger è nel modo in cui gestiscono uno dei problemi più eclatanti del nostro mediascape (tanto eclatante da essere ormai diventato una “condizione culturale”): l’overload informativo. O meglio – dato che, come ha spiegato Clay Shirky, il problema non è il sovraccarico ma l’efficienza dei filtri – la differenza è nel modo in cui filtrano l’overload: la conoscenza in forma-libro filtra escludendo; la conoscenza in forma-rete filtra includendo ed evidenziando.

Sintetizzo così il ragionamento di Weinberger: fin dai tempi di Platone la conoscenza ha sempre funzionato come un setaccio che separa l’episteme dalla doxa: si faceva un lavoro impegnativo e specializzato per selezionare il grano dal loglio (Weinberger lo chiama filter out); oggi invece il problema si risolve senza eliminare niente, anzi continuando ad aggiungere, ma evidenziando il grano dentro il loglio, ad esempio portandolo in testa alla classifica dei motori di ricerca (Weinberger lo chiama filter forward). Nell’epoca dello spazio limitato del medium carta, il filtro agiva preventivamente, in maniera invisibile, sulla base di autorità istituzionali: era un filtro selezionatore. Nell’epoca dello spazio illimitato della rete il filtro agisce dopo, in maniera visibile, sulla base di algoritmi ingegnosi e/o di preferenze estratte dalle reti sociali: è un filtro evidenziatore.

Obiezione dell’apocalittico: bel cambiamento, affidare la qualità delle opere d’arte e la veridicità dell’informazione e della scienza agli algoritmi di Google o, peggio ancora, ai “like” di Facebook o ai consigli dei blogger!

In effetti l’esautorazione della mediazione culturale è la più vistosa conseguenza socioculturale di questo passaggio dal “conoscere riducendo” al “conoscere includendo”. Gli effetti problematici sono già sotto i nostri occhi nel campo del giornalismo e dei consumi culturali, ma hanno ripercussioni evidenti anche per la scuola e la politica.

Tuttavia bisogna evitare un facile fraintendimento. Non si tratta di buttare a mare la Scienza e l’Arte, e di lasciare decidere alla popolarità in Rete cos’è vero e cos’è bello. L’ipotesi che Weinberger prefigura (con una certa dose di visionarietà e ottimismo da utopista) è quella di un’arte, un’informazione e una scienza che aprano a tutti i propri laboratori, perchè nella Rete quei laboratori possono avere spazi illimitati. Questo non significa tanto che ognuno ha il proprio canone e la propria verità (anche se le tendenze postmoderniste dell’autore potrebbero talvolta farlo pensare); quanto piuttosto che tutti possono controllare tutto e che tutti possono esprimere la propria opinione su tutto. Tra milioni di occhi curiosi è più facile che ci sia anche quello che vede l’errore in un piccolo punto, che scopre un’analogia tra dettagli apparentemente lontanissimi, che ha un improvviso lampo di genio in un angolo nascosto del quadro complessivo.

L’enorme, potenzialmente illimitata massa di opinioni connesse in rete (la connessione è essenziale) costituisce quella che Weingerber chiama l’expertise delle nuvole. Il filtro evidenziatore funziona proprio perché la Rete, ampia, aperta e trasparente, consente questa nuova forma di competenza che potremmo definire competenza nebulizzata; la quale corrisponde bene all’intelligenza collettiva descritta da James Surowiecki, nel suo La saggezza della folla. Ma attenzione: la saggezza non è una proprietà della “folla” in sé, ma del collettivo con certe caratteristiche.

Per Surowiecki l’intelligenza collettiva funziona se il gruppo soddisfa quattro condizioni:

diversità di opinione (ognuno ha qualche informazione che gli altri non hanno, anche se si tratta semplicemente di un’interpretazione stravagante di fatti noti a tutti); indipendenza (le opinioni di una persona non sono condizionate da quelle degli altri); decentramento (specializzazione e capacità di sfruttare conoscenze specifiche); e aggregazione (esiste un meccanismo capace di trasformare un giudizio personale in una decisione collettiva).

Ma queste, guarda caso, sono caratteristiche tipiche di Internet, la Rete delle reti: eterogenea, decentrata, libera, composta da reti e sottoreti.

Infatti per Weinberger è la rete che conferisce all’expertise delle nuvole le sue proprietà. Ne elenca cinque: la Rete – e la “folla” connessa in rete – è:

1) potenzialmene illimitata; 2) estremamente eterogenea (in particolare per i modi di pensare e per le competenze); 3) “grumosa”, cioè “fatta di miliardi di sottoreti (…) sono questi grumi di persone, pagine e strumenti a conferire alla rete gran parte del suo valore come luogo di informazione, comunicazione e socializzazione”; 4) “cumulativa”: conserva tutto e accumula non solo contenuti, ma anche link tra i contenuti, essenziali per rendere i contenuti utilizzabili e ricchi di contesto; 5) funzionante a qualsiasi scala: “le complesse interazioni multidirezionali consentite da internet fanno in modo che le reti di esperti possano essere più intelligenti della somma dei loro partecipanti”.

La saggezza non è della folla, ma della folla nella rete. È questa la “stanza intelligente”. Il titolo dell’edizione italiana è suggestivo, ma stonato, perché sembra alludere all’idea di un superorganismo intelligente al di fuori e al di sopra degli uomini. Un’idea che Weinberger rigetta esplicitamente:

in un mondo collegato in rete la conoscenza non vive nei libri o nelle teste ma nella rete stessa. Non che la rete sia un supercervello o sia destinata a sviluppare una coscienza: niente di tutto questo. Internet piuttosto consente ai gruppi di sviluppare idee meglio di quanto possa farlo ogni individuo; questo sposta la conoscenza dalla testa dei singoli all’interconnessione del gruppo.

 La competenza, l’intelligenza, la conoscenza che per secoli abbiamo considerato proprietà essenzialmente individuali, stanno diventando anche – e forse soprattutto – proprietà della rete.

La parola “anche” è cruciale per non travisare il senso del discorso svolto fin qui. L’errore tipico della polarizzazione tra apocalittici e integrati è pensare la questione come un aut-aut. Le argomentazioni di Weinberger si basano invece su una logica et-et, che del resto è anche la logica della rete, per sua natura inclusiva e non esclusiva. Questo significa che il modello della mediazione culturale tradizionale non dovrà essere abbandonato, che “i titoli accademici continueranno a contare” e che sarà sempre importante fare “attenzione alle credenziali”. Ma tutto ciò andrà integrandosi nella rete, la quale, a sua volta, “sta sviluppando le sue istituzioni”.

La forma-libro non sarà distrutta dalla forma-rete della conoscenza: verrà integrata in essa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...